lunedì 18 marzo 2013

Un Papa da prendere con le molle o svolta spirituale?

Chiesa Povera ma la gente merita benessere.

 

E' vero. Ho sbagliato miseramente pronostico.. Ma è proprio vero?Avevo indicato Dolan ma il conclave è stato più bravo di me!L'americano sfondava lo schermo e c'è una forte esigenza di cambiamento ma anche di silenzio.  Un mese fa espressi la mia speranza per un Papa argentino ed è stato anche uno scherzo del destino...argentino è stato ma quello sbagliato! Speravo in Leandro Sandri. Chi ha voluto Bergoglio però, a conferma parziale della mia logica, sono stati proprio i cardinali USA e seppur con un tipo di carisma differente è l'uomo che corrisponde a ciò che dissi: Un uomo che trasmetta cambiamento ma che de facto sia un conservatore. Che sia un conservatore non c'è il minimo dubbio. Nessuna apertura su matrimoni dei sacerdoti, nessuna apertura sui preservativi, nessuna apertura sui diritti civili e tanta troppa politica.  Faccia pulita, modi gentili, il nome giusto, proprio quello che ci voleva. E' tutto reale? I più maliziosi paragonerebbero questa elezione papale a qualcosa di simile a un provino andato a buon fine. Il dubbio viene ma tale è giusto rimanga. Si chiama appunto "beneficio del dubbio".Anche io sposo tale concetto e aspetto a giudicare. 
Ratzinger era un monarca. Secchione,isolato e statico, non ha mosso un dito contro lo sfarzo clericale. Ha anzi accentuato la politicizzazione vaticana stringendo un patto d'acciaio con Monti, appoggiandolo fino alla soglia massima (un mediocre 8.5% + Casini), per non pagare l'IMU. 
 
Nel mio caso tanta rabbia ed esasperazione. Disperazione.
Non mi nascondo mai dietro un dito.
La parola di Gesù sono ormai giusto quei 2000 anni che è lettera morta.
"DATE A CESARE QUEL CHE è DI CESARE" significava denudarsi di ogni ricchezza e concepire una Chiesa vera. Chiesa significa comunità ed il Cristo la voleva spirituale. Non certo politica.
Il giorno dopo il mio sfogo su fb il nuovo Papa ha detto " Come vorrei Chiesa povera e che non si occupi di politica". Questo mi ha riempito di orgoglio perchè chi mi aveva preso per pazzo ha avuto ciò che si meritava.
Bergoglio di politica, purtroppo, ne ha fatta fin troppa ed è difficile ("brunovespai" a parte) esaltarci per il nome scelto, Francesco, quando si ha di fronte un uomo che, durante la campagna elettorale argentina, disse alla futura Presidente Kirchner "le donne non si occupino di politica che è meglio". Beh, la Kirchner politica l'ha fatta e anche bene. Ha nazionalizzato le risorse che erano FREGATE costantemente dalle multinazionali al popolo argentino a prezzi stracciati, dopo ciò ha iniziato a sfruttarle al prezzo giusto ed ha reso il proprio paese più ricco. La povertà dopo il feroce regime di Videla è passata da 16 milioni a 8 milioni di persone. Questo voltando le spalle all'austerity, facendo default e successivamente ripagando i debiti con 6 mesi di anticipo grazie a politiche keynesiane/socialdemocratiche. La scelta opposta era la FINE GRECA. L'Italia con Monti ha scelto il percorso opposto ma pare essersi finalmente accorta della fregatura (Anche all'epoca mi davano del pazzo). L'austerity e la pre austerity hanno portato gli italiani poveri da essere 600 mila a 8 milioni.Con tendenza al peggioramento.
Un'altra cosa che mi ha fatto perdere la pazienza, il coraggio e la speranza era il subodorare il vento reazionario, conservatore  delle trasmissioni papaline. Le reti unificate, il gabbiano ecc ecc
C'è una disoccupazione spaventosa e criminale (contro la Costituzione), di tutto c'è bisogno tranne che di richiami all'accettazione alla povertà. Non appena ho detto "la Chiesa si spogli delle ricchezze ma il popolo merita BENESSERE" tac! passano poche ore e il Papa richiama all'accettazione della povertà e non della Chiesa solamente MA DELLA GENTE! Un richiamo alla stasi. C'è bisogno invece di CONQUISTE SOCIALI. Al volo ho compreso ciò dopo l'elezione di Bergoglio, ed ho reagito in modo veemente passando per offensivo ma il compito di un "giornal-aio" quale mi ritengo io (cit. Funari) è quello di scuotere anche con la parolaccia. La verità è che so distinguere tra Gesù e Vaticano e se lo Stato Vaticano fa politica va contro Gesù, Gesù prese a calci i mercanti e lo sfarzo del Tempio e quel tempio oggi sarebbe il Vaticano!
Povero deve essere il clero quindi e non il popolo.Se il clero divenisse più simile ai protestanti le persone tornerebbero ad avvicinarsi alla Chiesa.
A fare come me che sono sempre il primo a dire "buonasera" ai prelati e ai francescani sconosciuti che incontro saltuariamente per strada. A fare come me che da laico difendo il crocifisso nelle aule in quanto simbolo di una tradizione a cui sono legato. Cose di cui molti chiesarotti in apparenza si fregano.
Inutile questo PAPA confonda le due cose la povertà Gesù la indicava come via maestra dei maestri e non come auspicio alle persone. Non a caso parlava di soldi da non sotterrare ma da investire! Gesù filosoficamente parlando era si "capellone" ma era "capitalista". Di un capitalismo dal volto umano!
Si tolgano soldi alle multinazionali e si REDISTRIBUISCANO.
Il come, si sa.Si conosce. 
Funziona ovunque e da noi l'aria è fatta con azoto, ossigeno, CO2 ecc come ovunque, non è diversa. << Seguire il principio di uguaglianza non vuol dire "costringerci a" diventare tutti uguali, come qualcuno vorrebbe farci credere, ma essere messi tutti nell condizione di esercitare i nostri diritti di cittadinanza>>. (Cit. E Ferragina).
Ricapitolando:
Reagisco esasperato allo sfarzo televisivo di Vespa, con sacerdoti politici al seguito (con denti bianchissimi)  e 2 giorni dopo il Papa dice "Chiesa povera e non politica".
La cosa mi piace mi da ragione e giustifica il mio sfogo.. ma subito qualcosa mi stona nella parola POVERTA'. Immediatamente scatta l'allarme e dichiaro "povertà si, ma della Chiesa non certo della popolazione già stremata".
Poche ore dopo arriva la dichiarazione del Papa "la popolazione accetti la povertà".
Inammissibile.
La Chiesa non finisca per fare come il sindacato che pur di sopravvivere, spera esistano sempre dei tutelati accanto a dei disperati perchè senza questi ultimi il esso stesso cesserebbe di esistere. (Anzichè mirare a far stare tutti bene). La chiesa ASSISTA, miri all'EMANCIPAZIONE DALLA POVERTA', ma non miri a promuoverla,non torni al medioevo per fare DELL'ASSISTENZIALISMO. 
Uscita dal Medioevo = Europa. Vogliamo l'Europa dei diritti (e non solo doveri, tantomeno indirizzati a interessi di alcuni privati) e non la persecuzione della BCE, di Monti,di fronte alla quale stare muti! Non ce la facciamo più ad accettare la povertà imposta dai dogmi neoliberisti. Una volta senza tv, internet ecc non sapevamo che esistono banchieri incapaci e politicizzati con stipendi da 500 mila euro al mese ed i loro operai con 800 euro al mese e precari...adesso si sa. 
Bergoglio non commetta lo stesso errore fatto con la Kirchner, non faccia politica, in particolare contro chi fa politiche per la gente disperata o contro le donne. Non si limiti all'auto blu (al fumo negli occhi) o alla croce non d'oro.
A meno che nelle parole di Bergoglio sull'accettazione non ci sia qualcosa di esoterico. Il vivere il presente, il momento con bellezza, con fiducia per attrarre la propria strada ed il benessere. Il vivere il presente senza l'accanimento per il dopo.
Qua entreremmo in concetti quali Luce, Spirito Santo (quello vero e non quello presunto che ha portato ad eleggere molti Papi criminali che hanno sterminato gli indios dopo Colombo), fisica quantistica, Kabbalah, Tao . In altre parole AMORE. 
In tv mostrano argentini esaltati. L'argentino ha subito tanto, troppo ed è logico sia così felice.Sono un popolo caldo,con una forteidentità nazionale calpestata, che fa prevalere queste emozioni sul passato e sulle ombre. E' un popolo dei più cattolici. Auguro loro di tenere i piedi per terra come negli ultimi 12 anni senza drogarsi e così distrarsi.Io farei come loro perciò. 
Razionalmente però le premesse le ho trovate subito preoccupanti al contrario della vox populi italiota che si esalta.
Chiamatelo sesto senso.
Purtroppo durante il regime di Videla l'avvocato di due suore sterminate (francesi) ha detto che Bergoglio fu "reticente". La Chiesa per difendersi ha riportato perfino dichiarazioni (che scagionavano l'attuale Papa) di Amnesty International rivelatisi poi false.
Mia nonna mi ha sempre parlato di un parroco che,mi pare a Montemagno di Camaiore, si fece
trucidare dai tedeschi per salvare dei bambini. Quello fu Spirito Santo.

Riporto la dichiarazione di padre Jalics uno dei 2 gesuiti (uno è morto nel 2000) torturati da El Tigre e da Videla perchè nemici del regime inerente alla presunta "consegna" di Bergoglio negli anni '70.

: <<Sono riconciliato con quegli eventi, per me quella vicenda è chiusa. SOLO ANNI DOPO  abbiamo avuto la possibilità di parlare di quegli eventi con padre Bergoglio che ormai era stato nominato arcivescovo. Dopo quel colloquio abbiamo celebrato insieme una messa pubblica e ci siamo abbracciati>>..
Questo non è un "NON è VERO NULLA" ma è un "VOLEMOSE BENE E NON NE PARLIAMO PIU'".
Con questo LAICAMENTE dico:
Lasciamo perdere il passato e vediamo cosa farà.
I benpensanti e certi vescovi urlano al comunismo per ragionamenti come il mio!
Ecco cosa intendo per "politica sporca e volgare". Ecco cosa intendo per lacchè e vento di controriforma, anti sociale.
Quando l'Italia ha provato a cambiare sono scoppiati ordigni maledetti, apparse Madonne e poco altro. Le solite strategie della tensione per tappare la bocca alle voci libere.
Al Libero Pensiero.
(Marco)
 
 PS:L'autore si scusa per eventuali errori di battitura dovuti ad una tastiera "claudicante".



Nessun commento:

Posta un commento